Questa puntata speciale delle Storie di Ravenna – immaginifico itinerario  per scandagliare il passato e interrogare il presente, cercando tracce di racconto nelle archeologie e nelle icone, nelle narrazioni orali e nelle carte – sarà incentrata sulla riapertura dei teatri cittadini e la giornata del Primo Maggio, festa dei lavoratori.

La geografia della nostra città e alcuni dei suoi luoghi più significativi hanno preso forma proprio dall’incessante lavoro dell’uomo lungo tutto il corso degli anni, dalla sua fondazione fino ad oggi, e dal rapporto passionale che i cittadini ravennati hanno intrecciato con il lavoro e le lotte per ottenerlo.

Una narrazione a più voci, corredata di immagini e letture, in cui la collaudata squadra di storici prestati al palcoscenico ci racconterà di coincidenze storiche e degli snodi fondamentali della nostra città: del Teatro Rasi nato come Chiesa di Santa Chiara e delle sue molteplici trasformazioni; del Teatro Socjale di Piangipane nato dal volere e dal lavoro dei braccianti locali, esempio dei moli teatri che sorgevano nei piccoli centri attorno a Ravenna; della pineta del Primo Maggio e i suoi pignaroli; della chiesa di San Giuseppe Operaio situata nel quartiere omonimo meglio conosciuto come villaggio ANIC; di alcune meraviglie custodite nell’iconografia delle nostre antiche chiese capaci di raccontarci il lavoro di duemila anni fa.

Ad accompagnare il racconto un ospite d’eccezione come Valerio Vigliar, musicista romano molto attivo anche nel campo teatrale e cinematografico.

con Francesco Antonelli (guida turistica), Elisa Emaldi (Museo Nazionale di Ravenna), Giovanni Gardini (Museo Diocesano di Faenza-Modigliana), Alessandro Luparini (storico e direttore della Fondazione Casa Oriani), Giovanni Mazzotti (volontario Teatro Socjale di Piangipane), Laura Orlandini (Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia) letture di Laura Redaelli (Teatro delle Albe), musiche di Valerio Vigliar
  • biglietti

    Biglietti online

    Posti limitati. È vivamente consigliato l’acquisto on line/in prevendita.

    Biglietti 5 €

    I biglietti sono in vendita su vivaticket.it. Per acquisti in prevendita con Satispay o bonifico bancario chiamare il numero 333 7605760 da lunedì a venerdì dalle 10 alle 18 o scrivere a biglietteria@ravennateatro.com entro venerdì 30 aprile. I biglietti acquistati online potranno essere stampati o mostrati sul cellulare

    Biglietteria del Teatro Rasi
    Prevendite giovedì 29 aprile dalle 15 alle 18 e venerdì 30 aprile dalle 10 alle 18.
    Sabato 1 maggio biglietteria aperta a partire dalle ore 10 con i biglietti rimasti a disposizione.

    Teatro Rasi, via di Roma 39 Ravenna, tel. 0544 30227

    All’ingresso verrà richiesta l’igienizzazione delle mani e l’uso della mascherina.
    Gli spettatori sono invitati a rispettare i posti assegnati.

    INFORMAZIONI
    Ravenna Teatro tel. 0544 36239 e 333 7605760 da lunedì a venerdì dalle 10 alle 18.