Inferno

La sfida della Commedia
di Marco Martinelli e Ermanna Montanari

Vorremmo partire con le parole e l’italiano settecentesco di Giambattista Brocchi, che nelle sue Lettere sopra Dante, 1797, scrive: “Io non dubito che Dante si sarebbe alzato al paro di Eschilo o di Shakespeare se ai tempi suoi fosse stata in voga in Italia l’arte del teatro e ch’egli l’avesse voluta coltivare.” Partiamo da qui perché concordiamo con l’erudito veneziano, e ne raccogliamo l’ implicita sfida: trasformare in teatro il capolavoro che ha dato origine alla lingua e alla  letteratura italiana. Già altri hanno tentato: noi pensiamo che non si tratti di rivestire di immagini sceniche i canti danteschi, quanto di estrarne l’intima “natura” teatrale. Dante si è veramente “alzato al paro di Eschilo e di Shakespeare”, e i suoi 14.233 endecasillabi ripartiti in terzine sono uno stupefacente congegno teatrale. La parola “teatron”, che significa “visione”, racchiude proprio quella che l’autore definisce “mirabile visione”, mirabile teatro quindi, capace di accogliere nel suo campo visivo l’umanità intera nelle sue molteplici esperienze, dal basso osceno e sanguinante dell’Inferno al trascolorare malinconico del Purgatorio, per ascendere infine là dove visione e parola si trasmutano nell’indicibile Paradiso. È una sfida che culliamo dall’adolescenza, da quando, nella stessa aula scolastica del liceo Dante Alighieri di Ravenna, ascoltavamo per la prima volta la musica di quei versi. Questo è il nostro intento: misurarci con quella poesia  vertiginosa senza tradirla e senza rimanerne schiacciati. Prendere sul serio l’intento dell’autore, sicuramente anacronistico e presuntuoso rispetto ai nostri tempi, quando dice che scopo del suo poema è addirittura quello di dare la “felicità” al lettore.

Così descrive il suo obiettivo nell’Epistola XIII a Cangrande della Scala:
“… liberare i viventi in questa vita dallo stato di miseria e condurli alla felicità.”
Siamo così abituati a sentire e risentire i versi danteschi in mille letture, che il carattere sulfureo, incendiario di quei versi ci passa spesso sulla pelle senza toccarci: “l’abitudine è una gran sordina”, come sottolinea un poeta novecentesco amante della Commedia, Samuel Beckett. Dante è invece “dannatamente” serio quando dice, a se stesso e a noi, che in gioco è l’umana salvezza. L’orizzonte primo di Dante sono i Vangeli e la rivelazione cristiana: sradicarlo da questa matrice condanna a non intendere i sensi riposti di questo viaggio. Non è necessario essere credenti, per “capire” Dante: così come è importante tener presente la modernità di un autore, punta avanzata del suo tempo, che si apre audacemente alle visioni del mondo non strettamente cattoliche, come l’Islam, e al rispetto della modernitas della scienza, facendo dialogare tra loro la cultura pagana e la fede, la filosofia e la teologia. Ma occorre essere consapevoli che il suo “fuoco centrale” è fondamentalmente cristologico. Un Cristo-Beatrice, sorprendente. Questa presa di posizione sul piano filosofico e sapienziale non è disincarnata dall’essere “politico” del nostro autore: il poema è insieme religioso e politico. L’universo dantesco non tollera divisioni: è un umanesimo integrale, un “trasumanar” quello con cui ci provoca a distanza di sette secoli. In un’Italia dilaniata dalla corruzione, “serva Italia”, il grido di quest’uomo in esilio, in un’epoca segnata da faide partitiche e vendette sanguinose, condannato proprio con l’accusa di “barattiere”, suona di una sempre più bruciante contemporaneità. E per quanto radicato nel medioevo italiano e nella fede che ha costruito le cattedrali, il poema parla all’intera umanità e alle culture più lontane: basti pensare alle analisi raffinatissime di Michio Fujitani, studioso giapponese, che ha proposto una suggestiva rilettura del poema alla luce del buddismo e della cultura dell’Estremo Oriente, in cui i diavoli dell’inferno sono anch’esse figure-guida, “aiutanti”, perché a loro modo aiutano Dante a prendere consapevolezza del proprio “inferno” interiore.

La nostra Divina Commedia si articolerà per tappe nelle programmazioni del Ravenna Festival: estate 2017 INFERNO, estate 2019 PURGATORIO, estate 2021 PARADISO.

Una leggenda medievale che iniziò a circolare subito dopo la diffusione del poema sosteneva che avremmo compreso la Commedia dopo sette secoli: quanti ne sono passati dalla sua morte a Ravenna, il 14 settembre 1321.

Il Cantiere Dante prevede all’interno la presenza di un Convivio, tuttora in formazione, un gruppo di amici sapienti, che hanno affrontato Dante con ottiche e strumenti diversi, ovvero filosofi, scrittori, studiosi di letteratura, che si confronteranno con noi e con i cittadini partecipanti al progetto: tra gli altri, Giuseppe Ledda, Marco Veglia, Sebastiana Nobili, Giuseppe Fornari, Gianni Vacchelli, Elisabetta Gulli Grigioni, Giovanni Gardini, Ivan Simonini, Alessandro Volpe, Franco Gabici, Emanuela Mambelli, Alfio Longo, Luigi Allegri, Marco De Marinis, Lorenzo Mango, Tahar Lamri, Mirta Contessi, Marco Iuffrida, Elena Gessi.

Rassegna stampa

Foto gallery

Servizio su “Chi è di scena”, Tg3, puntata del 21 maggio 2017

Servizio su “Chi è di scena”, Tg3, puntata dell’11 giugno 2017

Servizio su “Retroscena”, TV2000, puntata del 13 giugno 2017

Gallery fotografica su Amadeus

Servizio su Amadeus, 22 luglio 2017

 

  • Biglietti

    Intero € 20
    Ridotto € 18
    Speciale Giovani under 14: 5€ | 14-18 anni e universitari: 50% sulle tariffe ridotte

    Info: 0544 249244, tickets@ravennafestival.org