8 aprile 2017

l'incontro si terrà nel corso del pomeriggio, tra le 15 e le 19

Gli irregolari. Festa di doppiozero

Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi in dialogo con Annalisa Sacchi

Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi
Filmmaker, autori di un linguaggio in bilico tra cinema e pittura – Angela ha studiato pittura con Oskar Kokoshka mentre Yervant è architetto di origini armene – hanno realizzato negli anni Settanta film profumati (Alice profumata di rosa, 1975) e dagli anni Ottanta una serie di originali lungometraggi: Dal Polo all’Equatore (1987), Uomini, anni, vita (1990), Su tutte le vette è pace (1998), Oh! Uomo (2004), Ghiro ghiro tondo (2007). Hanno vinto premi al Bellaria Film Festival, ad Asiatica Film Mediale di Roma, e all’IBAFF – Festival Internacional de Cine di Murcia. Al lavoro di Ricci Lucchi e Gianikian sono state dedicate retrospettive e rassegne al MoMa di New York, alla Biennale di Venezia, alla Cinémathèque francaise e, recentemente, al Centre Pompidou di Parigi.

Annalisa Sacchi
Studiosa di arti performative ed estetica, formatasi tra Bologna, Londra e New York, è professore associato allo IUAV di Venezia e dirige un progetto finanziato dallo European Research Council su performance e controcultura in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Dal 2004 al 2012 è stata caporedattrice della rivista indipendente “art’O”. Dal 2012 al 2014 ha insegnato e svolto ricerca ad Harvard. Ha inoltre lavorato per numerosi festival, tra i quali quello di Santarcangelo e la Biennale di Venezia nell’edizione diretta da Romeo Castellucci della Socìetas Raffaello Sanzio, sul cui lavoro ha realizzato diversi saggi e volumi. Tra le sue pubblicazioni recenti: Il posto del re. Estetiche del teatro di regia nel modernismo e nel contemporaneo (Bulzoni, 2012), e la traduzione e curatela di Filosofi e uomini di scena di Freddie Rokem (Mimesis, 2013).

 

Ingresso gratuito