dal 7 maggio
al 21 maggio 2018

lunedì 7, martedì 8, mercoledì 9 maggio ore 10
venerdì 11 maggio ore 9.30
repliche in lingua francese lunedì 14 maggio ore 11.30 , giovedì 17 maggio ore 11 e ore 12.20, venerdì 18 maggio ore 11 e lunedì 21 maggio ore 10

Teatro delle Albe / Ker Théâtre Mandiaye Ndiaye/ Accademia Perduta-Romagna Teatri

THIORO un cappuccetto rosso senegalese

Attenzione a Buki la iena
Questo spettacolo è nato in Senegal, nel solco della feconda relazione del ravennate Teatro delle Albe con il villaggio di Diol Kadd, luogo d’origine di Mandiaye N’Diaye, attore storico della compagnia scomparso nel 2014. Mettendo in corto circuito la fiaba europea di Cappuccetto rosso con la tradizione africana, Thioro vede in scena Adama Gueye, Fallou Diop, attori e musicisti senegalesi, e Simone Marzocchi, compositore e trombettista romagnolo. I tre artisti danno vita a un viaggio dal ritmo pulsante, che grazie all’intreccio di lingue, strumenti e immaginari, porta i bambini ad addentrarsi nella Savana – per raggiungere la nonna – dove s’incontra la temibile Buky la iena, archetipo del pericolo nella tradizione popolare senegalese.

Ricreare il cerchio
Thioro è un racconto che si ascolta stando seduti in cerchio. Al centro, la tromba s’intona con la voce del tamburo e i corpi degli attori si accendono in danze tribali. Cappuccetto rosso, finora da noi identificata con un indumento, prende un nome senegalese, Thioro, di tradizione animista, che significa “amore mio”. Il racconto di questa fanciulla e della sua coraggiosa avvenura crea un legame con un luogo lontano, Diol Kad: poche capanne e molti bambini nella savana del Senegal, area culturale non ancora invasa dall’opulenza comunicativa della nostra società. Ritrovare oggi il nucleo vivo del racconto, grazie anche a questo contatto tra i mondi, è il desiderio di questa esperienza, che ricrea il cerchio per invocare l’ascolto.

ideazione Alessandro Argnani, Simone Marzocchi e Laura Redaelli con Fallou Diop, Adama Gueye, Simone Marzocchi organizzazione Moussa Ndiaye coproduzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Accademia Perduta/Romagna Teatri, Ker Théâtre Mandiaye N’Diaye regia Alessandro Argnani
  • biglietti

    Ragazzi a teatro· Ingresso spettacoli € 4,50.

    Trasporto € 3,50

    Insegnanti e accompagnatori ingresso gratuito.

    Pagamento il giorno stesso dello spettacolo presso la biglietteria.

    Pagamento tramite bonifico bancario: una settimana di anticipo rispetto alla data dello spettacolo e non verranno rimborsati i soldi di eventuali bambini assenti.

    Prenotazioni martedì, mercoledì, giovedì dalle 9,30 alle 12; 

    da martedì 26 settembre a martedì 31 ottobre 2017 al numero 0544 30227,

    da novembre, fino al termine della rassegna telefonare al numero 0544 32149 (stessi giorni e orari, se c’è spettacolo, sarete richiamati).

    Dopo la prenotazione telefonica avete  tre giorni di tempo per confermarla, inviando questo modulo via e mail a ragazziateatro@ravennateatro.com

    Le disdette dovranno essere comunicate telefonicamente e successivamente via mail entro e non oltre i 30 giorni precedenti la data dello spettacolo prenotato. In caso contrario si dovrà versare una penale di € 3 per ogni prenotato pagante, presso gli uffici di Ravenna Teatro (via di Roma 39, Ravenna).

    Il pullman giunge presso le scuole di Ravenna circa 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo e 45 minuti presso le scuole del forese; si consiglia l’utilizzo dei mezzi pubblici per le scuole della città.

    I pullman che trasportano i bambini delle scuole dell’infanzia fanno scalo in via di Roma davanti al Teatro Rasi, gli altri presso viale Farini, di fronte al Liceo Classico.

    Luoghi di spettacolo

    Teatro Rasi via di Roma 39, Ravenna
    VulKano, via Cella 261 San Bartolo (Ra)
    Informazioni Ravenna Teatro, Sara Maioli, Teatro Rasi via di Roma 39 Ravenna, tel. 0544 36239, ragazziateatro@ravennateatro.com