dal 7 maggio
al 8 maggio 2019

ore 10.00
6 - 11 anni / 55 minuti / teatro di figura, con attori e videoproiezioni

Drammatico Vegetale

Sogni Arlecchino e la bambina dei fiammiferi Ezio Antonelli, Pietro Fenati, Elvira Mascanzoni

Se la Piccola fiammiferaia s’innamora di Arlecchino
A partire dalla favola della Piccola fiammiferaia (ripresa da La bambina dei fiammiferi di Hans Christian Andersen), lo spettacolo ripercorre alcuni temi classici della letteratura per l’infanzia associandoli ad ambienti visivi ispirati a capolavori dell’arte figurativa. Accendendo i suoi fiammiferi, la piccola sognatrice entra nel luogo fantastico del teatro, dove nascono, si perdono e si riannodano storie connesse a “visioni”. Ecco allora che appare Arlecchino, novello principe azzurro, che rappresenta il colore e la gioia di vivere. La Fiammiferaia s’innamora di lui e i due si rincorrono nell’intreccio delle storie e delle immagini che attraversano. Ne La bella addormentata Arlecchino la risveglia con un bacio, poi la conduce in Hänsel e Gretel, Biancaneve e i sette nani, Il piccolo principe, I tre porcellini, Cappuccetto rosso… cui ruota intorno il mondo fantastico di Arcimboldo e Botero, Ernst, Magritte, Dalì, Mondrian, Burri, Mirò e Klee… per uscire di scena attraverso il taglio di Fontana.

Ambienti visivi, plastici e narrativi
Diverse tecniche multimediali completano lo spettacolo, che assume un’atmosfera ad alto impatto virtuale: proiezioni video, animazioni, disegno e grafica realizzata in tempo reale attraverso il computer compongono la stratificazione scenica di questa narrazione. Ciò non intende però sostituirsi allo spazio fisico, che anzi diviene ancor più materico e tridimensionale, integrato anche da una incessante e certosina ricerca plastica e dei materiali nella costruzione di figure e oggetti.

scenografia e immagine virtuale Ezio Antonelli musiche originali Luciano Titi regia Pietro Fenati con Camilla Lopez, Elena Pelliccioni, Giuseppe Viroli audio e luci Alessandro Bonoli
  • biglietti

    Ingresso spettacoli 5 €
    Insegnanti e accompagnatori ingresso gratuito
    pullman 4 €

    Prenotazioni
    Le prenotazioni si possono effettuare durante tutto l’anno scolastico esclusivamente per via telefonica nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì dalle 9.30 alle 12.00: dal 25 settembre al 31 ottobre al numero 0544 30227 e dal 2 novembre al numero 0544 32149 (Sara Maioli). La prenotazione telefonica va necessariamente confermata entro tre giorni inviando il modulo compilato all’indirizzo ragazziateatro@ravennateatro.com
    I biglietti si ritirano e si pagano il giorno stesso dello spettacolo. Le eventuali disdette vanno comunicate telefonicamente e confermate via mail entro 30 giorni prima della data dello spettacolo prenotato.
    La disdetta non comunicata entro i tempi comporta il pagamento di una penale pari a 3 € per ogni prenotato.

    Pullman
    Ravenna Teatro offre la possibilità di raggiungere il teatro in pullman. Il servizio va richiesto al momento della prenotazione degli spettacoli e costa 4 € a testa. Il pullman partirà dalle scuole di Ravenna città alle ore 9.30, e da quelle del forese alle 9.10. I bambini delle scuole dell’infanzia saranno accompagnati all’ingresso del Rasi, i più grandi giungeranno al teatro dalla fermata di viale Farini di fronte al Liceo Classico “Dante Alighieri”.
    Si invitano i docenti a utilizzare i mezzi pubblici; le fermate prossime al teatro Rasi sono delle linee: 1, 3, 4, 5, 8, 18, 70, 80.