dal 26 marzo
al 27 marzo 2019

ore 10.00
3 - 8 anni / 50 minuti / teatro d’attore, pupazzi e oggetti

TCP Tanti Cosi Progetti

Chi ha paura di denti di ferro?

Qual è la storia più spaventosa che hai mai sentito?
Questo spettacolo esplora il mondo della fiaba di magia. A essere raccontata è la storia della strega Denti di ferro, una fiaba “spaventosa” che racconta di tre fratelli: i due grandi un po’ ingenui e il piccolo, prudente e furbo. Nonostante questi vengano avvertiti del pericolo dell’avventurarsi nel bosco per via di una malvagia strega che vi abita, decidono caparbiamente di andare in esplorazione, perdendo poi la via del ritorno, tra rami intricati e tronchi che paiono uomini. Mentre cala l’oscurità, appare una vecchina gentile e premurosa, e i due fratelli più grandi accolgono l’invito a entrare nella sua casa per un cibo caldo e un letto per la notte. Anche il più piccolo entra, ma con grande sospetto. La visione di alcuni “terribili” oggetti e la stranezza del luogo lo fanno mettere in guardia, e lui, con grande sforzo, resiste al sonno escogitando una via di fuga. Forse che la vecchina gentile sia la tanto temibile Denti di ferro? Le insolite richieste che il bimbo farà alla vecchia e che lei asseconderà – un uovo fritto, i fiocchi d’avena, dell’acqua per dissetarsi da bere rigorosamente dentro un colino – gli permetteranno di prendere tempo, fino a che…

Immaginiamoci una fiaba
Perché i tre fratelli si sono avventurati nonostante le raccomandazioni? Che cosa avreste fatto voi al loro posto? Quali emozioni suscita l’intricato bosco pieno di alberi dalle forme più strane? Che idea ci si può fare di una malvagia strega che è allo stesso tempo tanto maldestra? E perché il fratello più piccolo ha chiesto di bere l’acqua in un colino? Oggetti, figure, pupazzi, musica, attori, luci paiono note in uno spartito, che restituiscono ai piccoli spettatori la possibilità di costruirsi una trama attraverso le domande e le emozioni provate nel cammino.

di Danilo Conti e Antonella Piroli con Danilo Conti scene, figure e oggetti di scena Antonia D'Amore
  • biglietti

    Ingresso spettacoli 5 €
    Insegnanti e accompagnatori ingresso gratuito
    pullman 4 €

    Prenotazioni
    Le prenotazioni si possono effettuare durante tutto l’anno scolastico esclusivamente per via telefonica nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì dalle 9.30 alle 12.00: dal 25 settembre al 31 ottobre al numero 0544 30227 e dal 2 novembre al numero 0544 32149 (Sara Maioli).
    La prenotazione telefonica va necessariamente confermata entro tre giorni inviando il modulo compilato all’indirizzo ragazziateatro@ravennateatro.com
    I biglietti si ritirano e si pagano il giorno stesso dello spettacolo.
    Le eventuali disdette vanno comunicate telefonicamente e confermate via mail entro 30 giorni prima della data dello spettacolo prenotato. La disdetta non comunicata entro i tempi comporta il pagamento di una penale pari a 3 € per ogni prenotato.

    Pullman
    Ravenna Teatro offre la possibilità di raggiungere il teatro in pullman. Il servizio va richiesto al momento della prenotazione degli spettacoli e costa 4 € a testa. Il pullman partirà dalle scuole di Ravenna città alle ore 9.30, e da quelle del forese alle 9.10. I bambini delle scuole dell’infanzia saranno accompagnati all’ingresso del Rasi, i più grandi giungeranno al teatro dalla fermata di viale Farini di fronte al Liceo Classico “Dante Alighieri”. Si invitano i docenti a utilizzare i mezzi pubblici; le fermate prossime al teatro Rasi sono delle linee: 1, 3, 4, 5, 8, 18, 70, 80.