dal 18 gennaio
al 19 gennaio 2018

ore 10

Factory compagnia transadriatica, Compagnia Elektra, Tir Danza

CENERENTOLA

Una rivisitazione della fiaba classica di Cenerentola raccontata con tanta ironia mescolando danza e teatro di immagine.
Due registri coreografici diversi per rappresentare le sorellastre e Cenerentola: uno nervoso e sguaiato in cui significativamente le scarpe hanno un ruolo
predominante, l’altro tenero e armonioso. Un solo ingombrante arredo scenografico, l’immenso armadio delle meraviglie, bianco, dal quale nascono le azioni e intorno a cui giocano le danzatrici e i due attori. Tutti sanno come procedere in questo teatro senza parola, dove si usa una sorta di grammelot gutturale fatto di francesismi, vocaboli inglesi e napoletano.
Ritmo sfrenato, con lo swing inconfondibile di Nency e Frank Sinatra, passando da Milly, le gemelle Kessler, al trio Lescano.
Tutta la storia si concentra sui sospiri della povera orfanella, sulla zucca che si fa carrozza e sui sorci che si trasformano in splendidi destrieri.
Riemerge, come un po’ in tutti i lavori della Factory, contorni e ambienti dell’antieroe con limiti e virtù.
Il principe resta imprigionato nel cliché del belloccio senza macchia e senza paura, ricco sfondato e campione di giustizia.
Ma è anche assai goffo, tanto timido e per nulla glamour e sexy. La matrigna è ben lontana dall’aristocratica padrona di casa. Al suo posto un’implacabile “vaiassa”, con il suo francese maccheronico mescolato a un napoletano da Quartieri Spagnoli.
Musica, balli, mimica e linguaggio contribuiscono alla coerenza e all’equilibrio di una riproposizione originale e innovativa,
“… una Cenerentola (…) gustosa, dai toni inusuali, che ci restituisce in modo divertito e divertente un classico dell’infanzia, adattandolo ad un pubblico
dell’oggi.” Eolo-ragazzi.it, 2012, Mario Bianchi

  • biglietti

    Ragazzi a teatro· Ingresso spettacoli € 4,50.

    Trasporto € 3,50

    Insegnanti e accompagnatori ingresso gratuito.

    Pagamento il giorno stesso dello spettacolo presso la biglietteria.

    Pagamento tramite bonifico bancario: una settimana di anticipo rispetto alla data dello spettacolo e non verranno rimborsati i soldi di eventuali bambini assenti.

    Prenotazioni martedì, mercoledì, giovedì dalle 9,30 alle 12; 

    da martedì 26 settembre a martedì 31 ottobre 2017 al numero 0544 30227,

    da novembre, fino al termine della rassegna telefonare al numero 0544 32149 (stessi giorni e orari, se c’è spettacolo, sarete richiamati).

    Dopo la prenotazione telefonica avete  tre giorni di tempo per confermarla, inviando questo modulo via e mail a ragazziateatro@ravennateatro.com

    Le disdette dovranno essere comunicate telefonicamente e successivamente via mail entro e non oltre i 30 giorni precedenti la data dello spettacolo prenotato. In caso contrario si dovrà versare una penale di € 3 per ogni prenotato pagante, presso gli uffici di Ravenna Teatro (via di Roma 39, Ravenna).

    Il pullman giunge presso le scuole di Ravenna circa 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo e 45 minuti presso le scuole del forese; si consiglia l’utilizzo dei mezzi pubblici per le scuole della città.

    I pullman che trasportano i bambini delle scuole dell’infanzia fanno scalo in via di Roma davanti al Teatro Rasi, gli altri presso viale Farini, di fronte al Liceo Classico.

    Luoghi di spettacolo

    Teatro Rasi via di Roma 39, Ravenna
    VulKano, via Cella 261 San Bartolo (Ra)
    Informazioni Ravenna Teatro, Sara Maioli, Teatro Rasi via di Roma 39 Ravenna, tel. 0544 36239, ragazziateatro@ravennateatro.com